eventi Marche

Raphael Gualazzi apre la nuova stagione di “Che tempo che fa”

Raphael GualazziGiunto alla sua nona edizione, torna domenica 18 settembreChe tempo che fa” in onda, come sempre, alle 20.10 su Rai Tre. Il talk show condotto da Fabio Fazio riprenderà poi, dalla settimana successiva, il consueto appuntamento, ogni sabato e domenica, dallo Studio Tv3 della Rai di Milano in Corso Sempione, con la scenografia ideata da Pierluigi Cerri, per parlare del tempo ma soprattutto dei “tempi” attraverso conversazioni “one to one” tra Fabio Fazio e i protagonisti del mondo della politica, della cultura, dello spettacolo e dello sport. Torna con il consueto gruppo di lavoro: gli autori Pietro Galeotti, Marco Posani, Michele Serra, Samanta Chiodini e Giacomo Papi, la presenza fissa di Filippa Lagerback, il regista Duccio Forzano, il meteorologo Luca Mercalli. Luciana Littizzetto continuerà a caratterizzare la conclusione delle trasmissioni della domenica, commentando a modo suo le notizie dell’attualità; Massimo Gramellini, vicedirettore de La Stampa, chiuderà, invece, le puntate del sabato con la sua irriverente lettura dei fatti della settimana.

Il marchigiano Raphael Gualazzi, musicista e compositore, ne l’”Anteprima di Che tempo che fa” eseguirà dal vivo, in trio, Love goes down slow, brano tratto dal suo album d’esordio, Reality and Fantasy.
Un inconsueto incontro tra raggae e jazz per raccontare un amore da sogno. Tra i brani più imprevedibili del suo fortunatissimo album d’esordio “Reality and Fantasy” (Sugar), “Love Goes Down Slow”, è da venerdì in rotazione nelle radio italiane. All’insegna dell’originalità e della sfrenata passione per la musica con cui il giovane talento di Urbino ha conquistato nell’ultimo anno la vittoria al Festival di Sanremo, il secondo gradino del podio dell’Eurovision Song Contest e classifiche e platee di mezza Europa, il nuovo brano anticipa la pubblicazione il prossimo 18 ottobre di una versione speciale dell’album “Reality and Fantasy”, contenente un cd e dvd con brani e video inediti. In concomitanza con l’uscita del nuovo singolo, è stato inaugurato il canale ufficiale di Youtube www.youtube.com/raphaelgualazzi sul quale saranno disponibili tutti i videoclip dell’artista tra cui, prossimamente, anche quello di “Love Goes Down Slow”, regia di Marco Missano.

Che tempo che fa” ricomincia, dunque, da dove ci ha lasciato. La trasmissione non cambierà nel suo impianto che ha incontrato tanto favore fra il pubblico; asse portante del programma resteranno le interviste o meglio la conversazione con gli ospiti: personaggi dello spettacolo, della politica, dello sport, del mondo dell’impresa, della cultura, ospiti di livello internazionale verranno a raccontarsi e a raccontare il mondo di oggi con i suoi cambiamenti, le novità, i contrasti. Nella scorsa edizione “Che tempo che fa”, programma prodotto da Endemol Italia in collaborazione con Rai3, ha realizzato 65 puntate con oltre 170 ospiti tra cui si ricordano: Robert De Niro, Tony Blair, David Grossman, Robert Plant, Emma Marcegaglia, Javier Marias, Phil Collins, Mario Martone, Jonathan Franzen, Daniel Barenboim e la Divan Orchestra, Nanni Moretti, Ken Follett, Ian MacEwan, Annie Lennox, Umberto Eco, Ricky Martin, Riccardo Chailly, Sergio Marchionne, Luciano Ligabue, Andrea Camilleri, Bret Easton Ellis, Sting, Susanna Camusso, Zygmunt Bauman, Claudio Magris, Emir Kusturica, Luca Cordero di Montezemolo. Come le precedenti, anche l’edizione passata (2 ottobre 2010 – 29 maggio 2011) ha ottenuto ottimi ascolti, riuscendo a confermare il suo successo di critica e di pubblico con una media di 3 milioni e 700mila telespettatori e del 15.00 di share. Sono 651, dalla prima edizione (13 settembre 2003) ad oggi, le puntate di “Che tempo che fa” andate in onda. Oltre millecinquecento, invece, gli ospiti intervenuti al programma nel corso di queste 8 edizioni.

Come sempre, sarà Filippa Lagerback a presentare gli ospiti della prima puntata: Susanna Camusso, dal 3 novembre 2010 è la Segretaria Generale della Cgil: in 100 anni di storia del sindacato, in Italia, è la prima donna a ricoprire questo incarico; ha proclamato e guidato, il 6 settembre scorso, lo sciopero generale della Cgil, in oltre cento città italiane, contro la manovra economica del Governo Berlusconi; nel 1975, a soli vent’anni, entra nella Flm, la federazione unitaria che, negli anni ’70, riuniva i metalmeccanici di Fiom, Uilm e Fim; nel 2001 viene eletta Segretaria Generale della Cgil Lombardia che lascia nel 2008 per entrare nella segreteria nazionale confederale con le decisive deleghe dell’industria e della contrattazione.
Pierre Mazeaud, una delle figure più significative del moderno alpinismo francese, 82 anni, ricorda Walter Bonatti, il grande scalatore, scrittore e reporter italiano scomparso martedì 13 settembre; nel 1961 con Bonatti tenta la scalata del Pilone Centrale del Feney (Monte Bianco): quattro alpinisti persero la vita e solo in tre sopravvissero alla tragedia; nel 1962, sempre sul Bianco e con Bonatti realizza la prima ascensione del versante est del Petites Jorasses; nel 1978, è il primo alpinista francese a conquistare l’Everest; alla passione per l’alpinismo ha affiancato una altrettanto brillante carriera politica, ricoprendo importanti cariche istituzionali: prima Deputato, in seguito Vicepresidente dell’Assemblea Nazionale, Segretario e Consigliere di Stato della Repubblica Francese.
Le analisi climatiche ed ambientali di Luca Mercalli e l’esilarante appuntamento cult con Luciana Littizzetto che cerca e commenta a modo suo i fatti della settimana chiudera’ la puntata.

Condividi questo evento