Le Marche al Sapor diVino presentato a Vinitaly 2015

Chiara GiacobelliAl Vinitaly i vitigni e i vini delle Marche si celebrano anche sulla carta. Oggi, sulla Terrazza live della Regione Marche, sono stati infatti presentati tre libri a tema enologico, due già pubblicati e uno di prossima uscita, ma tutti accomunati dalla volontà di promuovere le Marche come terra del vino.

Le Marche al Sapor diVino” è l’opera di Chiara Giacobelli, giornalista e scrittrice: ci sono tanti modi per impostare una guida sui migliori vini di un determinato territorio. Come altrettanti ce ne sono di raccontare una terra. Questa pubblicazione ha il merito di unire due volontà: da una parte parlare di uno dei prodotti del Made in Marche più conosciuti e amati nel mondo: il vino, appunto; dall’altra, raccontare i luoghi nei quali esso nasce e viene prodotto.

A partire dalla storia delle denominazioni d’origine che l’Istituto Marchigiano di Tutela Vini raccoglie sotto la propria egida, l’autrice Chiara Giacobelli narra le città, le curiosità e gli eventi che animano il mondo in cui il vino prende vita. Qualcosa, dunque, di diverso rispetto a tutto quanto potrete trovare sull’argomento, come bene spiega anche Carlo Cambi, autore della prefazione al volume.

Le Doc Marche: Bianchello del Metauro, Colli Maceratesi, Colli Pesaresi, Esino, Falerio, I Terreni di Sanseverino, Lacrima di Morro d’Alba, Pergola, Rosso Conero, Rosso Piceno, San Ginesio, Serrapetrona, Terre di Offida, Verdicchio dei Castelli di Jesi, Verdicchio di Matelica
Le Docg Marche: Conero, Offida, Vernaccia di Serrapetrona, Castelli di Jesi Verdicchio Riserva, Verdicchio di Matelica Riserva.

Dalla prefazione al volume di Carlo Cambi:
“Ogni volta che si affaccia una nuova guida ci si chiede: ce n’era proprio bisogno? Compiute narrazioni dei vini marchigiani ve ne sono e basterebbe qui citare il Bacci per aver esaurito il compitare questa biblioteca. Ma è abbastanza singolare che da tanta dovizia di scritti difficilmente si sia tratto un baedeker – agile ma compiuto – come s’è fatto stavolta. Questa guida è anche o soprattutto questo: un felice accompagnare passo dopo passo in questa scoperta suggerendo, consigliando, senza nulla imporre, ma con tutto proporre. Ed ecco che si risolve positivamente quel mio modesto interrogativo: sì, c’era bisogno di questa guida”.

Chiara Giacobelli è una scrittrice e una giornalista originaria delle Marche che vive a Firenze. Con la Newton Compton Editori ha pubblicato il libro di successo 101 cose da fare nelle Marche almeno una volta nella vita e in seguito 1001 monasteri e santuari in Italia da visitare almeno una volta nella vita (finalista al Premio Fortuna D’Autore 2014), mentre per Le Mani ha firmato il saggio Furio Scarpelli. Il cinema viene dopo insieme ad Alessio Accardo e Federico Govoni, con la prefazione di Ettore Scola (vincitore di svariati premi importanti, tra cui il Primo Premio nella sezione Giornalismo e Critica del concorso Mario Soldati 2014).
Nel 2013 ha pubblicato una guida alternativa dal titolo Emilia Romagna. Una visione artistica con la collaborazione della Round Table Bologna, del Comune di Bologna, della Provincia di Bologna e della Regione Emilia Romagna.
Nel 2014 con il racconto “Causa di forza maggiore” ha vinto il Primo Premio nella sezione Narrativa del Concorso Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2014 e nello stesso anno è stata presa come autrice dalla Walkabout Literary Agency di Fiammetta Biancatelli, Paolo Valentini e Ombretta Borgia.
Come giornalista, dopo numerose esperienze lavorative, oggi scrive per LuxGallery, le pagine di Cultura e Spettacolo di NanoPress, NonSoloCinema e le riviste “Le vie del Gusto”, “Mete d’Italia e del Mondo”, ”Avrvm”.

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top