Le intellettuali di Moliere in esclusiva regionale a Montegiorgio

Le intellettualiMercoledì 3 febbraio (ore 21) va in scena al Teatro Alaleona di Montegiorgio il terzo appuntamento della stagione di prosa in esclusiva regionale: “Le intellettuali di Moliere” per la regia di Monica Conti e tradotto appositamente da Cesare Garboli. Protagonisti dello spettacolo sono Maria Ariis, Stefano Braschi, Marco Cacciola, Federica Fabiani, Miro Landoni, Roberto Trifirò e Monica Conti.

Storia dell’opera

Le intellettuali, tradotto anche come “Le donne intellettuali”, “Le donne sapienti” o “Le femmine saccenti” (titolo originale “Les Femmes savantes”) è una commedia in cinque atti scritta nel 1672 dal commediografo francese Molière.

Penultima opera del celebre autore, è l’ultima grande commedia scritta in versi e fa parte di quel ristretto numero di opere che l’autore scrisse per sua necessità espressiva, e non per compiacere le esigenze della corte reale.

L’opera fu rappresentata per la prima volta venerdì 11 marzo 1672 al Palais Royal di Parigi, riscuotendo un notevole successo e rimanendo in programma fino al 5 aprile. Molière interpretava il ruolo di Chrysale, mentre la moglie Armande Béjart era Henriette. All’indomani della prima, Donneau Visé salutava sul Mercure galant la commedia in termini entusiastici. Tuttavia, assieme alle rappresentazioni successive la popolarità andava via via decrescendo, forse anche a causa dell’imminente conflitto con l’Olanda, contro cui Luigi XIV entrò in guerra il 6 aprile.

“Le intellettuali” ebbe da subito un grande successo di pubblico e critica. Pone, infatti, al centro importanti riflessioni: da un lato il valore e la funzione della cultura e dall’altro l’esigenza delle donne di emanciparsi culturalmente. Il tutto amalgamato in un’arguta farsa dove neanche la borghesia si salva con la sua consueta morale che si contrappone al mondo delle “intellettuali”. Il testo affronta tematiche ancora molto attuali suggellate dalla sottile e pungente ironia di un maestro del teatro e acuto osservatore della società. Che ruolo hanno le donne? E’ giusto relegarle alla consuetudine dei ruoli domestici? Queste alcune delle tematiche affrontate dalla commedia.

Sinossi dello spettacolo

La scena si svolge in una casa, quella del ricco borghese Crisalo. Clitandro, rifiutato da Armanda, figlia di Crisalo e Filaminta, vuole sposare la sorella di lei Enrichetta. Il padre è favorevole al matrimonio ma la madre, amante della cultura e della scienza, la vuole invece dare in sposa a Trissottani, un pedante vanesio idolatrato da lei e dalle altre due “intellettuali” di casa, Armanda e la zia Belisa.
Il contrasto tra padre e madre per la scelta del genero si risolve nel momento in cui arriva il finto annuncio che la famiglia di Enrichetta è completamente rovinata economicamente, annuncio portato da Aristo, zio delle ragazze. Trissottani infatti, interessato a sposare una ricca ereditiera, si tira subito indietro, lasciando via libera a Clitandro.

Note di regia

“Le intellettuali” è uno dei testi più particolari e interessanti del commediografo francese ma è sicuramente meno conosciuto e meno rappresentato rispetto ad altri suoi grandi classici come “Il Tartufo”, “Il Misantropo” o “La scuola delle mogli”.

Uno dei motivi principali è la mancanza del protagonista assoluto tanto caro ai primi attori ma altrettanto importante è il fatto che la commedia pare “non avere centro” per la ricchezza infinita di prospettive che offre. Vi si celebra continuamente il potere ma “è potere la cultura, ed è potere l’ignoranza; è potere l’intellettuale, ed è potere la serva di casa; è potere la tradizione ed è potere la novità; è potere il maschio ed è potere la femmina: perchè il potere non ha sede né volto, cambia faccia e posizione a seconda di chi lo detiene”, come nota Cesare Garboli.

Per noi oggi sono proprio questa “mobilità” estrema del potere, questo continuo cambio di prospettive, questa coralità priva di “grandi personaggi” a renderla invece particolarmente interessante e contemporanea. E a consentirci di ridere di molti nostri atteggiamenti.

Con “Le intellettuali” prosegue il lavoro di Monica Conti su Molière iniziato nel 2002 con “Il medico per forza” interpretato da Gianrico Tedeschi e tradotto appositamente da Cesare Garboli per quella edizione.

Per gli attori Molière è ricerca, invenzione, laboratorio e follia.

I biglietti per assistere a questo evento li puoi trovare da MarcheEventi.it (0734 710026/ 333 3812635)

Condividi questo evento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *