Clown&Clown 2016: Festival Internazionale di Clownerie e ClownTerapia

clown e clown festival 2016Dal 25 settembre al 2 ottobre 2016 si svolge a Monte San Giusto (MC) la XIIª edizione del Clown&Clown, Festival Internazionale di Clownerie e ClownTerapia ideato nel 2005 dalla Mabò Band, nota compagnia di clown-musicisti sangiustesi, con l’intento di creare un evento unico nel suo genere e capace di unire le due anime del clown, quella artistica e quella sociale, dagli artisti di strada ai clown-dottori passando per personaggi famosi che ogni anno partecipano gratuitamente perché condividono il valore sociale ed educativo dell’evento.

Un grande “festival del sorriso” che dal 2005 si fa messaggero del valore universale e terapeutico della risata in una girandola di emozioni con tanti ospiti tra spettacoli, mostre, conferenze, workshop, mostre e grandi eventi di piazza. In undici anni il Festival ha proposto e curato progetti sulla cura della persona, sulla terapia del ridere e sulla proposta di una società migliore che hanno conferito a Monte San Giusto il titolo di Città del Sorriso.

Il format, oramai collaudato da anni, vede la partecipazione di decine di compagnie e di artisti provenienti da tutto il mondo, associazioni nazionali e internazionali di aiuto umanitario che condividono le loro esperienze, associazioni di ClownTerapia con centinaia di clowndottori che si ritrovano per partecipare ad incontri di formazione e per dare il loro contributo al Festival con un messaggio di pace.

Il tema principale di questa edizione è la resilienza e negli ultimi tre giorni di Festival verranno consegnati 3 Premi “Clown nel Cuore” a Flavio Insinna, Andrea Caschetto e Dario Ballantini.

Nel ricchissimo programma del Clown&Clown Festival 2016 ci sono anche, il workshop di Yoga della risata con il fondatore indiano Madan Kataria in prima nazionale, workshop teatrali con Giorgio Donati e Guido Nardin che ne conduce anche uno sulla costruzione del Naso Rosso, workshop e conferenze sulla clown terapia a cura della Federazione Nazionale Clown Dottori e nuove collaborazioni con le associazioni di aiuto umanitario “Clowncare m’illumino d’immenso o.n.l.u.s.” e “Ciss–cooperazione internazionale sud sud” che raccontano i loro ultimi progetti.

Tra gli ospiti anche Marco Maccarini, Natasha Stefanenko e tanti artisti di strada in un progetto sociale in cui amore per il prossimo, condivisione e solidarietà sono gli assi portanti.

L’Ente Clown&Clown, associazione di sangiustesi volontari, organizza il Festival grazie al prezioso contributo di numerosi sponsor privati, della Regione Marche, dell’Amministrazione Comunale e grazie all’aiuto di altre decine di volontari, sangiustesi e non. Grazie a questo lavoro corale, Monte San Giusto viene trasformata ogni anno in una cittadina ideale anche attraverso meravigliose scenografie ed addobbi sparsi per le vie e le case di tutto il Paese. Quest’anno, in particolare, Monte San Giusto sarà un prato fiorito di margherite, simbolo della resilienza.
A regnare su tutti ci sarà come sempre l’enorme naso rosso che domina dal campanile della chiesa, la cui accensione avviene nella prima giornata, e quest’anno sarà domenica 25 settembre alle ore 21:30 con rituale countdown scandito dal pubblico.

Domenica 25 settembre, alle ore 15.30 ci sarà l’inaugurazione della “Città del Sorriso” alla Porta Romana, che come ogni anno si trasformerà nella porta di ingresso di un grande circo a cielo aperto. Il sindaco taglierà il nastro sulle note della Junior Band e dei Pata Pata Clown e, subito dopo, ci si muoverà per l’inaugurazione dei vicoli del sorriso e delle mostre fotografiche. Quest’anno, si spazia da “Un uomo un clown, tante emozioni…”, la mostra sulla vita e la storia del leggendario clown Takimiri, alle mostre “Libreria delle Meraviglie”e “Negli anni della Città del Sorriso”, fino ad arrivare a “ScattiAmo il Sorriso”, frutto del primo contest fotografico del Festival a cui possono partecipare fotografi professionisti e dilettanti con modalità di iscrizione nel sito della manifestazione.

Percorsi tematici che, attraversando le vie del Paese, ci porteranno fino a Piazzale Rimembranze, dove alle 16:00 verrà sollevato il sipario sul nuovo murales intitolato “Come una bolla di sapone”, a cura di Morden Gore.
Alle 16.30, poi, sarà il turno delle nove compagnie partecipanti alla terza edizione del ClownFactor, che si presenteranno con spettacoli in vari punti del centro storico. Alle 17, invece, la parola passerà ai fondatori del Clown&Clown, la Mabo Band che si esibirà in Mabò of Colors.

Finalmente alle 21.30 ci sarà il momento che tutti aspettano ogni anno con gioia e impazienza, senza il quale la “Città del Sorriso” non potrebbe “illuminarsi” e prendere vita: l’accensione del grande naso rosso sulla torre del campanile.

Alle 22 seguirà l’apertura del GalizioTorresiCircus, il grande tendone da circo messo a disposizione del Festival dalla generosità dell’azienda GalizioTorresi, all’interno del quale si svolgerà lo spettacolo “Varietà” a cura della Compagnia DUE, composta dal 1998 da due sorprendenti giullari moderni con grande complicità, sensibilità ed esperienza al servizio dell’umore e della comicità per tutti e ovunque. Gli svizzeri Andreas Manz e Bernard Stöckli in “Varietà” uniscono con successo l’intrattenimento comico – condito con poesia, clowneria e improvvisazione – all’esigente arte del teatro, padroneggiando ambedue i campi con maestria.

Le giornate di lunedì, martedì e mercoledì saranno teatro di un fitto calendario di incontri e spettacoli mattutini per le Scuole del territorio, coinvolgendo bambini e ragazzi di tutte le età; mentre i pomeriggi saranno dedicati al laboratorio “La libreria delle Meraviglie” con letture animate e spettacoli teatrali dedicati ai più piccoli.

La sera, invece, l’appuntamento sarà sempre al tendone con le tre serate imperdibili del ClownFactor, parodia in chiave clown dei reality e talent show televisivi, attraverso cui verranno selezionate le compagnie artistiche finaliste del ‘Premio Takimiri 2016”. I nomi delle compagnie finaliste verranno svelati Giovedi 29 Settembre e la finalissima si svolgerà sabato 1 ottobre. Il Clownfactor è a cura dell’attrice e regista Vanessa Spernanzoni.
Durante il giorno i concorrenti saranno impegnati in sfide della risata, all’interno di una casa in campagna in cui saranno ospitati per tutta la durata del festival, e la sera, alle ore 21:30, si esibiranno davanti al pubblico e ad una giuria di esperti, composta da Danglar Takimiri (fam. Takimiri), Paolo Cardinali (Direttore artistico Teatro Lyrick di Assisi), Massimo Zenobi (Responsabile Marketing del teatro Sistina di Roma), Giuseppe Donati (Attore, regista ed autore), e Giuseppe Fornaro (Direttore artistico Agenzia Solo Artisti Esclusivi).

Partecipano al ClownFactor nove compagnie artistiche, selezionate tra le numerose che si sono iscritte online, suddivise in tre squadre ognuna delle quali capitanate da un coach. Le tre squadre di questa edizione sono: I Buffoni, composta da Crème&Brulé, Mago Crispino, Granmastro; i – Ciarlatani composta da JouJoux Folies, Nicola Virdis, Silvia Scanta; i Guitti, composta da Bingo, Duo Eder, Circopacco.

Per la dodicesima edizione del Clown&Clown gli street food hanno una veste rinnovata, diventano molto più “street” e danno la possibilità di assaggiare prodotti locali cucinati in tema clown. Una bella occasione per mangiare ottimo cibo in compagnia ein una atmosfera fiabesca.

Condividi questo evento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *