Il Combat folk di Vinicio Capossela fa tappa a Cupramontana

Vinicio CaposselaIl Combat folk di Vinicio Capossela fa tappa a Cupramontana venerdì 29 settembre 2017 per l’ottantesima edizione della Sagra dell’Uva. Un binomio che viene riproposto a quattro anni dall’ultima visita del cantautore nella capitale del Verdicchio.

Vinicio Capossela nato in Germania cinquantadue anni fa, ma di origini irpine, quest’anno ha selezionato pochissime date per la sua estate e quella di Cupramontana è una data speciale come afferma il musicista, “si tratterà di un concerto in cui la musica, più che la scenografia o l’evocazione teatrale è protagonista“.

Dopo i successi del doppio album del 2016 “Canzoni della Cupa” che lo hanno visto poi protagonista del duplice tour “Polvere” e “Ombra”, Capossela sul palco della Sagra dell’Uva di Cupramontana presenterà lo spettacolo per il suo “Combat Folk” che è inserito nel contesto di “Atti unici e qualche rivincita”, da considerarsi non come uno spettacolo che si ripete, ma un vero esercizio di eclettismo.

«L’atto unico è come una piroetta, un prototipo – scrive Vinicio Capossela – Una barchetta di carta che si mette in acqua e poi si capisce se affonda quando non c’è più tempo per salvarla o per riprovarci. E’ una disciplina che educa a non mettere da parte nulla. Come il potlach, la distruzione rituale dei beni. Come i castelli di sabbia, edificare qualcosa che verrà immediatamente cancellato dalla prima mareggiata. Non si fa a tempo di capire cosa è davvero successo, che ecco, è già finito. Si riconosce dalla coda, ed è un pesce che si immerge veloce. Per darci il giusto di rimettersi di nuovo, subito a pescare».

Vinicio Capossela è il miglior cantautore italiano della sua generazione, ma soprattutto uno dei pochi artisti totali che la scena nazionale abbia espresso negli ultimi anni. L’artista ha vinto il prestigioso Premio Tenco 2017, il riconoscimento assegnato dal 1974 alla carriera degli artisti che hanno apportato un contributo significativo alla canzone d’autore mondiale e che colloca così il nome di Capossela accanto a quello di altri grandi cantautori già vincitori (tra gli altri Leo Ferrè, George Brassens, Leonard Cohen, Atahualpa Yupanqui, Tom Waits, Caetano Veloso, Joni Mitchell, Patti Smith, Paolo Conte, Renato Carosone, Franco Battiato).

Condividi

scroll to top