La forza evocativa de L’Infinito di Leopardi a Quante Storie su Rai3

Dopo duecento anni, L’Infinito di Giacomo Leopardi ha ancora una potentissima carica evocativa. Mercoledì 27 febbraio, a Quante Storie, in onda su Rai 3 alle 12.45, il poeta e critico letterario Davide Rondoni ne offre un’interpretazione viva e ne porta alla luce nuovi significati, che rendono l’Infinito, oltre a un vero gioiello della nostra letteratura, una preziosa bussola per orientarsi nella modernità.

Davide Rondoni

Nasce a Forlì nel 1964. Poeta e scrittore, ha pubblicato diversi volumi di poesia con i quali ha vinto alcuni tra i maggiori premi. È tradotto in vari paesi del mondo, collabora a programmi di poesia in radio e tv e come editorialista per alcuni quotidiani. Ha fondato il Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna e la rivista «clanDestino».

Il progetto Infinito 2000

“Per tutto il 2019 vogliamo festeggiare in Italia e nel mondo il bicentenario di questa poesia. Una festa fatta di molti, diversi, appuntamenti e occasioni, creati da vari soggetti in Italia e all’estero. Letture, studi, musica, rappresentazioni teatrali, edizioni new media, ritrovi bizzarri, mostre, experience, traduzioni, concorsi, percorsi on trekking. Una festa aperta a tutti". Un’idea del poeta Davide Rondoni.

Share this post

scroll to top