in ,

Conclusa la X edizione del “Summer Jamboree”, è tempo di bilanci.

evento SenigalliaConclusi i 10 strepitosi giorni di “Summer Jamboree”, è il momento per tirare le somme e fare il bilancio di una edizione che ha festeggiato i 10 anni del Festival dedicato alla musica e alla cultura dell’America anni ’40 e ’50 a Senigallia (AN).

Un Festival nato per scommessa e proseguito per passione, che da una giornata in un’unica piazza per quattro band e poco più di mille persone di pubblico, è passato rapidamente a dieci giorni di concerti con decine e decine di artisti internazionali, molti in esclusiva e oltre 200 mila presenze in arrivo da tutto il mondo, con iniziative in tutta la città.

Esprime enorme soddisfazione il Sindaco di Senigallia, Luana Angeloni: “Il mio plauso va chiaramente all’organizzazione in termini di scelte artistiche, di pubblico, di clima che hanno saputo creare, continuando a dare visibilità a Senigallia. Ma voglio lodare e ringraziare senz’altro anche le forze dell’ordine e la polizia municipale che hanno garantito che tutto andasse nel migliore dei modi, così come dico grazie alla struttura comunale che ha garantito i servizi e fatto funzionare le cose. Manifestazioni come queste sono sempre una grande sfida per una città che mette alla prova le proprie forze e la propria efficienza. Riuscire a regolare e accogliere un tale afflusso massiccio di persone in 10 giorni significa avere ottime fondamenta. Direi dunque sfida vinta. Vinta anche e soprattutto grazie ai cittadini di Senigallia, che ringrazio per aver partecipato, accolto, condiviso, anche negli inevitabili disagi che ritengo facciano parte della vitalità turistica.

Ora l’estate di Senigallia continua, con la Fiera Campionaria, Pane Nostrum e importanti convegni, anche forte di questo eccezionale risultato dovuto all’esperienza del Summer Jamboree”.

Quello che sempre più soggetti pubblici e privati hanno messo a fuoco in particolare quest’anno, è stata la vasta e trasversale popolarità del Festival e il sempre più elevato numero di persone che, appassionati e non, organizzano le proprie ferie in coincidenza con le date della manifestazione. Non più un evento di nicchia dunque, ma un appuntamento che coniuga cultura e turismo. Lo rileva anche l’Assessore alla Cultura della Provincia di Ancona, Carlo Pesaresi: “Con questa edizione, il Summer Jamboree consolida senz’altro il suo ruolo tra le iniziative leader su cui intendiamo puntare come Provincia, premiando il binomio evento-turismo. L’ampia partecipazione del pubblico a livello internazionale, l’attenzione mediatica, la qualità dell’organizzazione e il coinvolgimento del territorio provinciale (Corinaldo e Ostra hanno ospitato due giornate del Festival insieme con Senigallia, ndr), sono caratteristiche che confermano il valore del Festival come traino per la promozione turistica del territorio provinciale e non solo. È una ottima occasione per far conoscere la “marca anconetana” a persone che vengono da fuori”.

Soddisfazione per la partecipazione esprime anche Massimo Marroni, direttore commerciale di UniCredit Banca di Roma, quest’anno per la prima volta main sponsor del “Summer Jamboree”. La X edizione segna infatti l’inizio di una stretta sinergia tra il Festival e UniCredit. La cultura, l’arte, la musica sono per UniCredit Banca di Roma un modo per comunicare la propria vicinanza alle comunità e per trasmettere, in modo coerente ed efficace, un nuovo e diverso modo di fare banca. “Buona la prima. Cosi concluderei questa prima esperienza come main sponsor del Summer Jamboree. Cercavamo una manifestazione che replicasse la caratteristica dell’econonia marchigiana, dinamica e ad alto potenziale, e questo abbiamo trovato. In più, abbiamo riscontrato la popolarità di questo festival nella partecipazione ampia e trasversale, da appassionati di rock and roll, swing, jive a curiosi, famiglie, amici. A testimonianza del fatto che si tratta di una iniziativa che appartiene a ogni genere di persona, altro valore che condividiamo. Basta poco, una maglietta, una camicia, un taglio di capelli, un movimento ritmato del corpo, che sei gia dentro al Summer Jamboree”.

Un decimo anniversario “degno di un centenario!”. È ancora stupefatto Angelo Di Liberto, il direttore artistico del “Summer Jamboree”, X edizione iniziata il 14 agosto e appena conclusasi domenica 23 agosto. I nomi degli ospiti sulla carta li ha scelti lui, li conosceva, li stimava, ma il grandioso effetto globale in un contesto come quello di Senigallia dal vivo nella città del rock and roll, è tutta un’altra cosa. Da brividi. Su tutti, il concertone de 21 agosto, la Rock and Roll All Stars con 10 leggende in esclusiva. “Oltre ogni aspettativa!” commenta, prima di ricordare quello che in tanti gli hanno detto in questi giorni di Festival. “Ci hanno eletto a miglior rock and roll festival del mondo. Sono stati ancora una volta gli artisti americani ospiti del Festival a dirlo e non è la prima volta. Lo considero un grande onore perché chiaramente in questo genere sono loro il mio metro di misura e valutazione” racconta con l’adrenalina ancora in circolo Di Liberto. “Dieci giorni sono veramente tanti, ma in molti speravano che ce ne fossero ancora, che Senigallia potesse rimanere per sempre così. Per noi appassionati in fondo lo sarà, dato che presto inizieranno i corsi di ballo, ci sarà il Winter Jamboree e chiuderemo l’anno davvero in bellezza, con una festa di fine anno alla Rotonda a ritmo di swing… E mentre ci augureremo buon anno nuovo, la mente sarà già rivolta verso gli artisti dell’undicesima edizione…”.

Anche per Andrea Celidoni, attento a questioni di logistica, l’evento indimenticabile è il concerto con le 10 leggende del rock’n’roll, irripetibile, “abbiamo assistito a un pezzo di storia della musica moderna assolutamente unico!”. Ribadisce poi l’importanza del “Summer Jamboree” come potente veicolo di promozione turistica, Celidoni: “Dopo tanti anni di lavoro, la città ha percepito l’importanza del “Summer Jamboree”, che non è solo un evento culturale con la scoperta della cultura dell’America degli anni ‘40 e ‘50 (musica, auto, balli, cucina e tanto altro), ma è anche un veicolo promozionale per la città di Senigallia nel mondo, in grado di creare un movimento economico sicuramente importante”. La scelta del periodo spesso messa in discussione “è stata di nuovo premiata – continua Celidoni – Lo dicono i dati sulle provenienze registrate. Spostare il festival dalla seconda metà di agosto su altre date significa rinunciare a una larga fetta di turisti in arrivo da tutta Italia per le ferie e in arrivo da tutto il mondo. Quelli che appassionati o solo curiosi, trascorrono le vacanze qui e alloggiano in città o in strutture ricettive limitrofe”.

Valutazioni su cui concorda anche l’amico del Festival, appassionato esperto del periodo e della cultura anni Quaranta e Cinquanta, Dario Salvatori. “Oggi questo Festival è indiscutibilmente uno degli eventi culturali italiani di maggior interesse, capace di coniugare intrattenimento e tempo libero, cultura e svago, musica e interessi giovanili. Per quanto mi riguarda il Summer Jamboree rimarrà per sempre lo stile della mia vacanza preferita”. Tutto si deve “alla competenza e alla bravura di tre amici, che hanno fatto della loro passione un evento irrinunciabile e, perché no, un business – fa notare ancora Salvatori – Angelo, Andrea e Alessandro sono stati bravi a inventarsi un ruolo, un mestiere, una professionalità, perché questo hanno fatto e immagino anche il loro orgoglio nel vedere la loro città nella mappatura delle capitali di questo genere di show. C’è Las Vegas, c’è Londra, c’è Barcellona e poi c’è Senigallia. Non è fantastico?”. Lo definisce piuttosto “divertente! – esulta Alessandro Piccinini, responsabile della comunicazione e ufficio stampa del Festival – E poi quest’anno tra i fan del Summer Jamboree abbiamo trovato anche Paperino, testimonial d’eccezione in versione anni ’50 (il mitico fumetto Topolino ha infatti dedicato al Festival una striscia ad hoc dal titolo “Donald, juke box del tempo”, con due pagine di servizio e foto, nel numero in edicola il 12 agosto scorso, ndr). Topolino è una cosa seria, Umberto Eco una volta ha detto che uno è veramente importante quando è citato da Topolino… A parte gli scherzi, non ha prezzo riuscire a realizzare un evento internazionale di questo livello, facendolo crescere sotto tanti punti di vista, catalizzando l’attenzione mediatica italiana e straniera (cito fra tutte la conferenza stampa alla Rotonda a mare nel 2007 con Dita Von Teese, a cui parteciparono circa un’ottantina di testate giornalistiche di tutto il mondo), nella propria città. Credo che in questi anni con il Summer Jamboree siamo riusciti a rappresentare la vitalità di Senigallia e del territorio, in modo forse inimmaginabile all’inizio”. Anche per Piccinini una delle cose più divertenti di questa decima edizione è stato il concertone e “quando Angelo verso il gran finale ci ha detto: andiamo a suonare anche noi con le All Stars! Così ci siamo trovati sul palco a “suonare” la batteria in mezzo all’olimpo del Rock’n’Roll!”. Ancora qualche giorno per assaporare il successo di questa X edizione e poi sarà di nuovo tempo di chiedersi “e adesso che altra storia racconteremo?”. Quale saranno le scelte per la prossima sfida, il prossimo festival, saranno da costruire sempre con attenzione, alimentandole con rispetto per il pubblico e grande dedizione.

Ideato e organizzato dall’Associazione Culturale Summer Jamboree (diretta da Angelo Di Liberto, Andrea Celidoni, Alessandro Piccinini) il festival è promosso dal Comune di Senigallia con la partecipazione della Provincia di Ancona, Sistema Turistico della Marca Anconetana e Regione Marche. Main sponsor dell’evento è UniCredit Banca di Roma. Sponsors: Birra Theresianer, Abbondio (since 1889), Negroni antica distilleria, Delta Motors. Media partner Virgin Radio. Il “Summer Jamboree” nasce quasi per scommessa e oggi è uno dei principali appuntamenti dell’agenda estiva italiana, sicuramente il più grande e importante festival del genere in Europa, nonché tra i primi tre al mondo.

INFOLINE: 392.239.28.38 – WWW.SUMMERJAMBOREE.COM

Chiude il weekend di Tuttoingioco su scienza e vita. Ospiti: Mario Tozzi, Christine Weise, Maurizio Boldrini, Giorgio Dendi e Cesare Catà

Festa della Patata Rossa – Borgo Pace (PU) – 29 e 30 agosto 2009