in ,

Da oggi on line la versione italiana di EURAXESS

eventi MarcheCamerino (MC) – È stato presentato oggi 16 ottobre a Camerino, nel corso della quarta Giornata dell’Internazionalizzazione organizzata dall’Ateneo camerte il portale “www.euraxess.it”, (versione italiana del sito web europeo EURAXESS), dedicato alla mobilità dei ricercatori e curato dall’Ateneo camerte in collaborazione con AREA Science Park di Trieste e la Fondazione CRUI.

Come è noto, EURAXESS comprende una rete di oltre 200 centri situati in 35 paesi europei creata dalla Commissione Europea al fine di contribuire a sviluppare un ambiente favorevole per la mobilità dei ricercatori e incrementare lo sviluppo delle relazioni scientifiche. I centri assistono i ricercatori nel progettare e organizzare la loro permanenza in un paese europeo con un servizio personalizzato che li aiuta a risolvere tutti i problemi di alloggio, visto, permessi di lavoro, corsi di lingua, scuole per i figli, previdenza sociale e assistenza medica. Grazie alla collaborazione tra Unicam, AREA Science Park, Fondazione CRUI, gli stranieri che verranno in Italia per un periodo di studio o ricerca, avranno a disposizione, oltre al sito curato dall’Unione europea, anche la sua versione italiana che offre informazioni utili sulle opportunità di lavoro o studio in ambito scientifico (sezione “Jobs”), sui diritti dei ricercatori (sezione “Rights”) e sulla vita nel Bel Paese (sezione “Services”). Inoltre, la sezione “Mobility Programs” è dedicata ai programmi di mobilità (Erasmus, Fulbright, ecc.) che consentono ai ricercatori italiani di fare esperienze di ricerca all’estero.

Unicam, che prima tra le Università italiane ha raccolto la sfida della costruzione dello Spazio Comune della Ricerca facendo siglare a tutti gli Atenei italiani, proprio a Camerino nel luglio 2005, l’adozione della Carta Europea dei ricercatori e il Codice di condotta per la loro assunzione, si fa dunque promotrice, questa volta insieme ad AREA Science Park e alla Fondazione CRUI, di un’altra importante iniziativa a sostegno dell’attività del ricercatore.

La rete italiana dei centri di mobilità, coordinata dalla Fondazione CRUI, è composta da 13 centri: le università di Bologna, Camerino, Catania, Milano, Padova, Pisa, Siena, Torino, Udine e Verona, il CNR, l’APRE (Agenzia per la promozione della ricerca europea) e AREA Scienze Park.
Soddisfazione espressa dal Rettore dell’Ateneo camerte, Fulvio Esposito: “Siamo veramente lieti di poter contribuire a migliorare, con quest’ulteriore strumento, la mobilità dei nostri ricercatori; Unicam ha avuto da sempre una grande attenzione verso l’enorme valore aggiunto che il ricercatore costituisce, non solo per il mondo universitario, ma per l’intera società”.

Da parte sua il Direttore Generale di AREA Science Park di Trieste, Giuseppe Colpani, ha dichiarato: “Il nuovo portale è la dimostrazione concreta che attraverso il networking tra diverse realtà si possono realizzare iniziative a beneficio dell’interno Sistema scientifico e accademico nazionale”.

“Continua l’impegno internazionale della Fondazione per agevolare la carriera dei ricercatori”, ha commentato Patrizio Bianchi, Presidente della Fondazione CRUI, “La mobilità rappresenta sempre di più un parametro di qualità della ricerca prodotta da uno studioso. Ed è sulla ricerca di qualità che si gioca la grande partita dell’innovazione e dello sviluppo”.

Per informazioni: www.unicam.info

Efficienza energetica nelle strutture turistiche ricettive – San Benedetto del Tronto (AP) – 16 ottobre 2009

Zap Juice social music Festival, contro l’abuso di alcool alla guida