in , , ,

Esperanza Spalding chiude con un concerto strepitoso il Musicamdo Jazz 2009

esperanza SpaldingCon Esperanza Spalding ha chiuso in grande stile il Musicamdo Jazz 2009. Rassegna musicale estiva, patrocinata dall’UNICAM e dalla Provincia di Macerata, e pensata per coniugare la musica con la scoperta dei più bei centri della Provincia di Macerata.

Alcuni sono arrivati appositamente da Roma, altri per una sera hanno abbandonato la movida della costa, in molti erano lì perché aspettavano questo concerto da tempo, e c’è anche chi ammette che del genere non è appassionato, ma l’occasione di vedere dal vivo quella che sta guadagnandosi un posto a sedere sulle ginocchia degli dei del jazz era imperdibile.

Il concerto di Esperanza Spalding al Chiostro San Domenico di Camerino è stato un successo. I 650 spettatori, in molti sono rimasti in piedi, hanno preso d’assedio la splendida struttura medievale adibita a location concertistica. Dimostrando di non saper resistere al richiamo di questa moderna sirena dalla pelle scura che, nel XXI sec. messa da parte l’arpa, ha deciso di stringere con il suo esile corpo un contrabbasso.

Accompagnata da una band tagliata su misura per lei, la giovane contrabbassista compositrice e cantante ha regalato una performance stellare. Niente a che vedere con la compostezza religiosa che spesso caratterizza la liturgia di un’ampia branca di questo genere musicale, perché con la Spalding gli steccati tassonomici si trasformano in vasi comunicanti. Salta, ondeggia furiosamente sul contrabbasso, chiede esplicitamente la partecipazione del pubblico ma, soprattutto, canta e suona in modo divino. E allora capita di sentire il Jazz abbracciare la Bossa brasiliana che lentamente si fonde con un pizzico di Funky per poi virare verso il Blues, il Pop e la World Music, in un corto circuito che atterra lo spettatore eccessivamente critico per la gioia chi ama abbandonarsi alla musica.

esperanza SpaldingE anche se è lampante che la sua tecnica vocale e strumentale sia inarrivabile, con la Spalding ogni velleità o egocentrismo autocelebrativo è bandito. La sua musica non è un monumento eretto per propria gloria, bensì un incondizionato inno alla gioia, sincero e naturale come il sorriso rilassato che sfoggia durante tutto il concerto. Compreso quando scende dal palco per le fotografie, gli autografi e gli abbracci, si diverte un mondo tra la gente. Certo c’è stato anche il momento per l’introspezione, quando a metà concerto, rimasta da sola sul palco ha accompagnato la sua voce con il solo contrabbasso provocando una tensione che si sciolta con l’applauso più sentito. E forse proprio qui va ritrovata la sua cifra stilistica. Nella sua capacità di tradurre il proprio portato emotivo in una musica che squassa il cuore di chi ascolta, per risollevarlo dalla tristezza dettata dell’urgenza delle cose.

Per Daniele Massimi, Presidente dell’Associazione Musicamdo “la stagione estiva non poteva chiudersi meglio, Esperanza Sapalding ha la capacità di stupire ed emozionare, e la sua è una dote naturale. Per me c’è la soddisfazione di una serata perfetta fatta di divertimento e tanta buona musica”.

Candia: Festa del Covo & Festa della Trebbiatura

L’Onda Libera dei Modena City Ramblers arriva a Ripatransone (AP).