in

Il caso Dondero: fotografie, persone e memoria. Fermo, sabato 29 febbraio

Sabato 29 febbraio sarà presentato al Terminal di Fermo l’incontro previsto alle ore 16, dal titolo “Il caso Dondero, fotografie, persone e memoria".

Sabato 29 febbraio sarà presentato, presso il nuovo spazio espositivo, al Terminal di Fermo a lui intitolato, l’archivio fotografico di Mario Dondero, uno dei maestri del fotogiornalismo italiano ed europeo, che scelse Fermo come luogo dell’anima e città di residenza negli ultimi anni della sua vita.

Terminal Fermo - Mario Dondero

L’incontro previsto alle ore 16, dal titolo “Il caso Dondero, fotografie, persone e memoria” segue al lavoro di riordinamento svolto in due anni dall’Associazione Altidona Belvedere che ha curato per l’occasione la selezione degli 80 scatti in mostra scelti tra quelli più significativi del suo percorso professionale. L’incontro ha l’obiettivo di far conoscere ad un pubblico sempre più vasto, il lavoro di Mario Dondero, già noto e apprezzato a livello internazionale.

Il 20 giugno 2016 la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica dell’Umbria e delle Marche, ha dichiarato questo scrigno fotografico “di interesse storico particolarmente importante” e con il sostegno della Direzione Generale per gli Archivi è stato realizzato un sito dedicato al suo lascito catalogando ed inserendo più di 800 schede analitiche dei suoi reportage che saranno pubblicate nel Sistema archivistico nazionale.

Programma

ORE 16.00 Saluti Istituzionali

ORE 16.15 L’ARCHIVIO FOTOGRAFICO DI MARIO DONDERO

Pacifico Ercoli, Responsabile della Fototeca Provinciale Altidona
Diego Pizi, Professionista Catalogatore di Beni Fotografici
Jonathan Mancini, Informatico Specializzato in Informatica Umanistica
Massimiliano Biondi, Collaboratore della Fototeca Provinciale Altidona
Caterina Melappioni, Funzionario Archivista Della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica dell’Umbria e delle Marche (Mibact)

ORE 17.30 CONOSCERE, TUTELARE E VALORIZZARE IL PATRIMONIO FOTOGRAFICO NEGLI ARCHIVI DI STATO
Mirco Modolo, Responsabile Archivi Fotografici Dell’archivio Centrale Dello Stato (Mibact)

ORE 18.00 GLI ARCHIVI FOTOGRAFICI. CONSERVAZIONE E CATALOGAZIONE: LA FORMAZIONE DELL’ANAI
Pamela Galeazzi, Presidente Anai Marche

ORE 18:30 FIRME, TIMBRI E MARCHI FOTOGRAFICI NEL FONDO ERNESTO VERRUCCI BEY, PRESSO LA BIBLIOTECA GIULIO GABRIELLI DI ASCOLI PICENO
Marco Di Marco, Fotografo, Archivista, Catalogatore di Beni Fotografici, Anai Marche

19.00 APERITIVO

Mario Dondero

Mario DonderoMario Dondero è personaggio dalle mille sfumature che solo la sua fotografia riesce a descrivere appieno. Nato a Milano da origini genovesi, inizia come giornalista, ma presto capisce che i suoi racconti sanno parlare ancora meglio con la fotografia.

Lunga la sua carriera come fotoreporter della maggiori testate nazionali ed estere. La particolare attenzione per le vicende dell’attualità, per l”Africa e la guerra d’Algeria, a cui si mescolano le fotostorie per la tanto amata TV dei ragazzi.

Ha declinato la comunicazione e la potenza del racconto fotografico in ogni aspetto: giornali, televisione, trasmissioni radiofoniche, mostre.

La sua capacità di vedere oltre l’immediatezza dello scatto fotografico lo hanno portato a contatto con tanti circoli di intellettuali tra Parigi e Roma e alla realizzazione di tante mostre che hanno suggellato la sua particolare sensibilità di uomo e di fotografo.

Attorno al 2000 ha scelto le Marche, il fermano, come luogo in cui tornare tra un viaggio e l’altro e a Petritoli si è spento il 13 dicembre 2015.

Ha lasciato agli amici di Altidona il suo monumentale archivio fatto di 250.000 diapositive a colori e 350.000 negativi in bianco e alcune stampe in bianco e nero, e circa 150 quaderni di appunti e annotazioni. Amici ed estimatori che lavorano per far conoscere il suo lascito culturale con la magia della sua fotografia e il ricordo di un’amicizia vera e profonda.

Gli arazzi in Cappella Sistina per le Celebrazioni Raffaellesche

Ascanio Celestini

Ascanio Celestini in Radio clandestina a Pesaro il 15 giugno