in ,

Ryuichi Sakamoto playing the piano – Civitanova Marche (MC) – 30 ottobre 2009

concerto Civitanova MarcheVenerdì 30 ottobre al Teatro Rossini di Civitanova Marche si esibirà Ryuichi Sakamoto, su un pianoforte gran coda classico, cui sarà affiancato un altro implementato con l’elettronica: i rapidi scambi tra i due strumenti, attraverso la tecnologia digitale, permetteranno in tempo reale il passaggio al secondo di intere linee musicali eseguite da Sakamoto sul primo pianoforte.

È ormai da anni che Ryuichi Sakamoto, Maestro indiscusso della sperimentazione artistica novecentesca, affida la propria arte alla intangibilità del web e del live, seguendo quello spirito “fluid, invisible, inaudible” che ha pervaso tutto il suo lavoro. E anche questo attesissimo ritorno al pianoforte solo, che lo vede presentare in tutt’Europa alcuni brani tratti dal nuovo disco “Out of Noise”, sarà affidato alla memoria degli spettatori e a iTunes, dove, dopo ogni esibizione, sarà scaricabile dal pubblico fluido e inafferrabile della rete. Oltre ai 4 brani originali “Glacier”, “Hibari”, “Compostion0919” e la cover del compositore giapponese Kotringo “To Stanford”, selezionati appunto da Out of Noise, il programma live che presenterà Sakamoto in questo lungo tour comprenderà il meglio della sua produzione per il cinema e dalle sue composizioni solistiche unitamente a brani classici di Satie, Bach e Mompou. Ma Sakamoto non è solo uno dei signori del pianismo contemporaneo, è anche e soprattutto un ironico, istrionico e coraggioso sperimentatore, innamorato della tecnologia come strumento d’arte, e quindi, per celebrare il ritorno all’amato pianoforte, ne presenterà sul palco ben due, di cui uno programmato per accompagnarlo in questo inatteso duo pianistico.

Venerdì 30 ottobre ore 21
Teatro Rossini
Via Bruno Buozzi 1
Civitanova Marche (MC)

Ryuichi Sakamoto playing the piano
con Ryuichi Sakamoto al pianoforte

Info: 0733 812936

***


Rain di Ryuichi Sakamoto (dalla colonna sonora de L’ultimo Imperatore di Bernardo Bertolucci)

***

Ryuichi Sakamoto nasce a Nakano il 17 gennaio 1952, musicista, compositore e attore giapponese.

Ha frequentato l’Università di Musica e Belle Arti di Tokyo, dove si è laureato in composizione ed ha conseguito un titolo post-laurea focalizzato sulla musica elettronica e sulla musica etnica.

Pubblica il suo primo disco, Thousand Knives nel 1978 e nello stesso periodo è membro della Yellow Magic Orchestra con Haruomi Hosono e Yukihiro Takahashi, una band di pop-rock elettronico che riesce a farsi notare con alcuni singoli di successo nel Regno Unito nei tardi anni settanta e produce lavori che avranno influenza sulla scena techno e acid-house dei decenni successivi.

Sakamoto collabora alle produzioni di numerosi artisti britannici e non, specialmente con David Sylvian, intervenendo nella produzione di quasi tutti i suoi album. Tra le altre collaborazioni si annoverano quelle con Iggy Pop, Caetano Veloso, Thomas Dolby, Youssou N’Dour.

Nel 1983 compare nel film di Nagisa Oshima “Furyo” (“Merry Christmas, Mr. Lawrence” nell’originale), co-protagonista insieme a David Bowie. Del film ha scritto anche la colonna sonora ed il tema principale, l’eponima “Merry Christmas, Mr Lawrence”, cantata da David Sylvian, diventa un singolo di successo ed il suo brano più famoso.

Vince l’Oscar nel 1987 con la sua colonna sonora per il film “L’ultimo imperatore” di Bernardo Bertolucci. Tra le altre sue colonne sonore vi sono quelle per l’anime “Le ali di Honneamise” di Hiroyuki Yamaga nello stesso anno, “Il piccolo Buddha” di Bertolucci (1993) e per “Tacchi a spillo” di Pedro Almodovar (1992).

A Sakamoto è stata affidata l’orchestrazione della cerimonia di apertura dei Giochi olimpici del 1992, tenutisi a Barcellona, Spagna.

Nel 1998 l’etnomusicologo italiano Massimo Milano ha pubblicato “Ryuichi Sakamoto. Conversazioni”, una collezione di saggi e conversazioni accompagnati da una prefazione della scrittrice Banana Yoshimoto.

Sakamoto nel 2002 ha divorziato dalla moglie Akiko Yano, pianista e cantante giapponese con la quale ha avuto anche un lungo sodalizio artistico.

Di lui è noto anche l’atteggiamento critico verso la legge sul copyright, che sostiene sia fuori tempo nell’età dell’informazione, ed il suo impegno per la pace e l’ecologia.

Nel 2006 ha inoltre collaborato alla colonna sonora di Babel, con Bibo No Aozora.

Il 4 marzo 2009 è stato pubblicato in Giappone, su etichetta Commmons, il suo album “Out of Noise”.

Festa del Vino – Ortezzano (FM) – dal 18 al 20 settembre 2009

Le Marche al Festival Ammutinamenti di Ravenna