in ,

Sinfonie di Cinema, la giornata dedicata ai ragazzi… ma non solo!

evento cinematograficoNonostante il maltempo che fino all’ultimo minuto ha messo a dura prova la macchina organizzativa, il Festival Sinfonie di Cinema, organizzato dall′Amministrazione Comunale di Montefiore dell′Aso, si è aperto con un forte riscontro di pubblico, accorso nel borgo piceno per godere della piacevole serata malgrado il clima non proprio estivo.

La programmazione prosegue mercoledì 12 agosto con un‘intera giornata dedicata ai più giovani. Dalle ore 17.00 alle ore 19.00 all′interno della sala proiezioni del Polo Museale di San Francesco lo scenografo Giancarlo Basili terrà un laboratorio sulla scenografia. Che cos′è la scenografia? Come viene ideata? Attraverso la visione di alcuni backstages e la spiegazione dello scenografo, i ragazzi potranno avventurarsi all′interno di questo affascinante mondo. Chi vuole prenotarsi per partecipare gratuitamente può farlo chiamando lo 0734.938743 oppure recandosi presso il Polo Museale di San Francesco. Il laboratorio è aperto ai ragazzi dai 10 ai 16 anni.

evento cinematograficoIl Festival proseguirà alle 21.00, all‘interno del cortile del chiostro con animazione e fantasia di palloncini per poi assistere, alle 21.30, alla proiezione del cortometraggio “1-100” del regista Dante Albanesi interpretato da Federica Vagnozzi (foto), Filippo De Sario e dagli alunni della Scuola Media “Carlo Crivelli” di Montefiore, con il coordinamento della Prof.ssa Moira Vespasiani. Si tratta di un progetto promosso dall‘Amministrazione Comunale al fine di incentivare la conoscenza del multimediale tra i più giovani.

Si proseguirà, alle 21.45, con la proiezione del cartone Wall-E di Andrew Stanton. La storia narra di W.A.L.L.E (Waste Allocation Load Lifter Earth-Class, ovvero Sollevatore terrestre di carichi di rifiuti) che, dopo aver trascorso centinaia di anni solitari facendo ciò per cui era stato costruito – ripulire il pianeta -, trova un nuovo scopo nella sua vita quando incontra un affusolato robot ricognitore di nome EVE. EVE si rende conto che W.A.L.L.E è involontariamente incappato nella chiave che assicurerà il futuro del pianeta, e torna di corsa nello spazio per riferire le sue scoperte agli umani. Nel frattempo, W.A.L.L.E segue EVE per tutta la galassia, dando vita ad una delle avventure comiche più fantasiose ed emozionanti mai portata sul grande schermo.

L′ultimo capolavoro della Pixar è un′opera d‘arte bellissima, complessa e meravigliosa, un film per tutta la famiglia che piacerà moltissimo agli adulti. È impossibile non commuoversi davanti a questi robot più umani degli uomini, che provano emozioni, si innamorano, si baciano, si disperano, desiderano, mentre gli essere umani sopravvivono incapaci di camminare, di toccarsi, di guardare oltre uno schermo, soprattutto incapaci di stupirsi, caratteristica principale di Wall-E, che con i suoi grandi occhi scruta il mondo con immensa meraviglia, capace di trovare poetica una lampadina, un accendino, capace di provare emozione per una stretta di mano.


Wall-E di Andrew Stanton

Festival SINFONIEDICINEMA
Montefiore dell‘Aso (AP) – Chiostro San Francesco
Inizio spettacoli 21.15 – Ingresso libero
Info. 0734.938743 fax 0734. 939074 www.comune.montefioredellaso.ap.it

Protagonisti

Dante Albanesi, nato a San Benedetto del Tronto (AP). Laurea in DAMS Spettacolo a Bologna, con tesi su Peter Greenaway (110 e lode). Per la critica cinematografica, ha vinto i Premi Segnocinema 1994, Adelio Ferrero 1994 e Filippo Sacchi 1997. Ha scritto di cinema su quotidiani (Il Resto del Carlino), siti internet e riviste, tra i quali: “Cineforum”, “Cabiria”, “La linea dell’occhio”, “Segnocinema”, “reVision”, “Shortvillage”, “Cinemania”, “Fotogenia”, “CinemaSud”, “Proiezioni”, “AccaParlante”, “ilDocumentario.it”. Ha collaborato con il Premio Libero Bizzarri (documentari italiani e internazionali) e il FanoFilmFestival (cortometraggio internazionale). Nel 2002 ha pubblicato il libro Da Cabiria a Moulin Rouge! – Cento anni di musica per il cinema (Cineforum San Benedetto del Tronto). Organizzatore di corsi di cinema per scuole e associazioni. Direttore Artistico delle edizioni 2003-2008 del festival di cortometraggi CortoperScelta. Autore di corti di finzione e documentari, tra i quali: Il sogno di Baik (2003, 20’), La Biffa di Bacugno (2005, 20’), Immagini dallo Sri Lanka (2005, 12’), Orlando disertore (2005, 26’, Premio Bizzarri sez. Scuola, Premio “Leone d’Oro cinema ragazzi”), Innocente quando sogni (2006, 2’, premiato alla 42° Mostra del Cinema di Pesaro), La gomma (2006, 10’; 1° Premio sez. Scuola FanoFilmFestival 2006, 1° Premio sez. Scuole Medie Sottodiciotto Torino, Miglior Sceneggiatura al TvPLanet 2006 di Piano di Sorrento, 1° Premio Filmare Festival di Ostia, Premio Cinema Visionario a Girocorto di Guidonia), Il sogno di Ivan (2007, 10’), Migrazioni (videoclip ispirato a Lou Reed, 3’), Centolire (favola di migranti, 6’), Il giorno che salutai le cose per sempre (video di teatro-danza in omaggio a Pericle Fazzini).

Andrew Stanton è un animatore, regista e sceneggiatore statunitense.
È stato assunto nel 1990 presso i Pixar Animation Studios, chiamato da John Lasseter. Lasseter notò Stanton per i suoi cortometraggi A story e Somewhere in the Arctic presentati allo “Spike and Mike’s Festival of Animation” del 1987.
Stanton ha studiato come animatore tradizionale presso il California Institute of the Arts (CalArts), ed è approdato alla Pixar, studio di animazione al computer, senza la minima dottrina sull’informatica. Appena diplomatosi al CalArts iniziò a collaborare, oltre che con Lasseter, anche con un altro importante animatore americano, Ralph Bakshi, con il quale lavora alla scrittura di alcuni episodi della serie animata Mighty Mouse, the New Adventure.
Stanton e John Lasseter erano gli unici dipendenti Pixar che fossero degli animatori, e non programmatori o ingegneri informatici. Stanton inizialmente collaborò all’animazione di spot commerciali, business verso cui in quegli anni era orientata la Pixar. Successivamente fece parte del team creativo degli ideatori di Toy Story, il primo lungometraggio d’animazione interamente in CGI. Con questo film Andrew Stanton guadagnò la sua prima nomination agli Oscar, quella per la miglior sceneggiatura originale (riconoscimento che per la prima volta andò a un film d’animazione).
Nel 2003 scrive e dirige il suo primo lungometraggio, Alla ricerca di Nemo. Con questo film Andrew Stanton ottiene il premio Oscar per il miglior film d’animazione e la sua seconda nomination per la miglior sceneggiatura originale.
Nel 2008 realizza il suo secondo film, WALL•E, e lavora con Mark Andrews alla scrittura dell’adattamento cinematografico dei romanzi di John Carter di Marte, serie fantascientifica scritta agli inizi del ‘900 da Edgar Rice Burroughs, di cui la Walt Disney Pictures ha recentemente acquistato i diritti.

“Io a Ferragosto”, la notte bianca di tuttoingioco

S.E.T.E. – Scuola Estiva di Teatro Educazione incontra T.E.S.P.I. – Serra San Quirico (AN) – dal 17 al 24 agosto 2009